LAURA BIAGIOTTI RICEVE IL PREMIO
ARTE: SOSTANTIVO FEMMINILE
10 MARZO 2013


In occasione dell´8 marzo Festa della Donna viene consegnato ad 8 donne, e tra queste a Laura Biagiotti il Premio ”Arte: sostantivo femminile”. La cerimonia di consegna di svolgerà il 10 marzo, la prima domenica prossima al giorno 8, alle ore 16,30 presso la Galleria Nazionale d´Arte Moderna a Roma. Il premio viene conferito dall´Associazione Amici Arte Moderna a Valle Giulia, a personalità che hanno fatto dell´arte e della cultura un impegno di vita al di là di ogni pregiudizio.
Infatti la stilista romana ha sempre dichiarato che l´ arte le é stata instillata in giovanissima età dal padre Giuseppe, uomo appassionato di musica, d´ architettura, di pittura. Anche la formazione culturale di Laura Biagiotti ha sicuramente influenzato il suo modo e il suo stile di vita. Prima di dedicarsi alla moda Laura Biagiotti ha studiato Lettere Antiche all´Università la Sapienza, ma poi si è ritrovata catturata dal lavoro della mamma Delia che aveva una sartoria di Alta Moda.
Nei primi anni ´80 ha sponsorizzato il recupero di un piviale ricamato in filo d´oro custodito a Milano al Museo Poldi Pezzoli il cui disegno sottostante si é rivelato essere autentico di Botticelli.

Ha costituito assieme alle figlie la Fondazione Biagiotti Cigna, subito dopo la prematura scomparsa del marito Gianni Cigna. La Fondazione raccoglie il nucleo più importante di opere (disegni, bozzetti, tempere, etc.) del pittore futurista Giacomo Balla in riferimento alla Moda ed alle Arti Applicate. La raccolta è stata esposta nel 1996 al Museo Puskin di Mosca e nel 1998-1999 al Chiostro del Bramante di Roma.
Dal 1999 Laura Biagiotti ha siglato un accordo di sponsorizzazione con il Piccolo Teatro Studio di Milano, dove le collezioni della stilista sfilano in esclusiva da quasi 3 lustri.
Con la sua moda ha contribuito assieme alla Laura Biagiotti Parfums al restauro della Scala-Cordonata del Campidoglio disegnata da Michelangelo, le state con i Dioscuri ed i Trofei di Mario nel 2000 anno del Grande Giubileo.

Nel 2003 Laura Biagiotti ha donato il nuovo Grande Sipario del Teatro La Fenice di Venezia, andato distrutto durante l´incendio del 1996.
Sempre con i suoi profumi ha restituito a Roma, la sua città, un´altra parte del suo patrimonio: le due Fontane di Piazza Farnese che hanno ripreso spirito e vigore e dove la continuità delle tradizioni può contare su interventi come questo che saldano l´antico alla modernità.
Laura Biagiotti dichiara: Il binomio moda-cultura che mi sento di rappresentare già da molti anni, acquista di giorno in giorno maggiore significato, avendo soprattutto riscoperto una funzione importante, una volta interpretata dalle grandi famiglie rinascimentali: quella del mecenatismo. Ridare a Roma una parte significativa della sua dote artistica, prima con il restauro della Scala Cordonata del Campidoglio, successivamente con l´inaugurazione dell´avvenuto intervento alle Fontane di Piazza Farnese, è stata per me una fonte di arricchimento. Il connubio arte-moda è divenuta una nuova forma culturale. Non credo che l´arte sia lontana dal mondo della moda, perchè la moda è in costante evoluzione, esercizio del futuro prossimo in continua ricerca di nuove espressioni estetiche. Tra le tante arti comportamentali si può inserire anche la fashion-art”.

A Venezia Laura Biagiotti ha dedicato una delle sue fragranze di maggior successo, rieditata recentemente nell’affascinante e preziosa versione oro e rosso veneziano: “VENEZIA di Laura Biagiotti”.

GALERIE