NEWS

  • Lavinia Biagiotti al Milano Fashion Summit

Lavinia Biagiotti Cigna al Milano Fashion Summit 2010 a Shanghai

Lavinia Biagiotti Cigna ha accettato con entusiasmo l’invito di Class Editori a partecipare come relatrice nel Milano Fashion Summit 2010 che si terrà venerdì 29 ottobre a Shanghai.
Il Summit riunisce i più importanti esponenti dell’imprenditoria e altre eminenti personalità di tutto il mondo per discutere e scambiare autorevolmente opinioni sulle nuove opportunità e sfide che la moda affronta in un mercato in continua trasformazione.
Il Summit si rivolge ai Capi d'impresa e alle Alte Direzioni aziendali ed è concepito, unico nel suo genere, come momento d'incontro tra il mondo della moda e quello della finanza. Tra i relatori anche: Diego Della Valle, Frida Giannini, Alberta Ferretti, Donatella e Santo Versace, Riccardo Illy Presidente di Illy Group, Diego Rossetti Presidente di Fratelli Rossetti, Gianluigi Cimmino AD di Yamamay e Carpisa, e molti altri.
Lavinia Biagiotti interverrà sul tema “ Pionieri in Cina” raccontando l’avventura della prima sfilata di moda italiana organizzata a Pechino nel 1988.
“Come mi piacerebbe sfilare la moda italiana in questo paese dal quale importo da anni il pregiato filato di cashmere che mi ha meritato sul New York Times il titolo di Queen of Cashmere.”
Questa frase di Laura Biagiotti è il prologo di una lunga affascinante avventura che ha portato la moda Italiana alla scoperta della Cina, e viceversa. Tutto prese forma nel 1987, quando, su invito dell’allora Ministro della Cultura, le fu proposto di realizzare una sfilata a Pechino. Così il 25 aprile del 1988 abbiamo avuto l’onore di sbarcare nel pianeta del Celeste Impero portando per la prima volta la Moda Italiana. Tutto è nato da un sincero interesse culturale e sociale verso una straordinaria civiltà, insieme all’intuizione che la Cina sarebbe diventata ciò che oggi è sotto i nostri occhi, in particolare Shanghai, con il successo planetario dell’EXPO, che ha spostato il baricentro della contemporaneità ad Est.