NEWS

  • Premio PinkRoma

Mercoledì 22 febbraio a Roma avrà luogo il Pink Roma Party durante il quale verrà assegnato la prima edizione del Premio PinkRoma destinato a coloro, donne e uomini, che promuovono best practice e iniziative in favore delle donne e rappresentano un modello positivo per la società nella professione e nel management, nelle istituzioni, nel sociale, nel giornalismo e comunicazione, nell’imprenditoria e nella cultura, entertainment, moda e arte.

Lavinia Biagiotti Cigna riceverà il Premio nella categoria Imprenditoria, per il connubio vincente tra innovazione e tradizione rappresentato nella conduzione e nello stile del brand aziendale e come esempio per le donne di Roma perché giovane, dinamica, creativa ed innovatrice.

Una moderna ed energica visione del business quella di Lavinia Biagiotti Cigna che segue le orme di famiglia da tre generazioni. Managerialità ottenuta sul campo vivendo la storia dell’azienda con un’attenzione al marketing e ai nuovi mercati.

“Ho imparato il mestiere dai miei genitori, che mi hanno trasmesso l’amore ed il rispetto per il lavoro, mio ed altrui, unito al senso del sacrificio, valori che ho fatto miei sin dagli esordi” dice Lavinia Biagiotti “Ho iniziato facendo una “sana gavetta”, al fianco di mia madre Laura che con rigore e passione mi ha formata come persona, e come professionista. Il mio “learning by doing” mi ha permesso di apprendere da fonti diverse e di interagire con realtà differenti dalla nostra, lavorando ad esempio con grandi.
Il mio approccio nella gestione dell’azienda è dunque composito: alla base c’è la cultura dell’impresa familiare, tessuto portante dell’economia nazionale, che si combina però con una gestione più dinamica e sperimentale, di azienda globale.
Il mio punto di forza è la famiglia, essere un “duo” con mia madre Laura, interpretando in tutte le nostre scelte due punti vista, sinergici e innovativi. Le caratteristiche personali che mi sostengono sono passione, tenacia, resistenza e un forte orientamento all’attività di gruppo. Il mio motto è IT CAN BE DONE” Una donna porta nel suo ruolo di leader tutti gli elementi che la rendono peculiare: la capacità di gestire simultaneamente più questioni e attività, l’attenzione agli aspetti sociali del progetto e del gruppo, la creatività, la carica emotiva ma mi piace pensare più al concetto di persona, superando quanto più possibile le barriere del genere maschile/femminile” .